Dal 18 novembre l’emergenza/urgenza per adulti dell’Azienda Policlinico-Vittorio Emanuele di Catania sarà trasferita al Policlinico

Versione stampabileVersione stampabile

Da circa 100 anni operava nello storico ospedale cittadino

Dal 18 Novembre Catania avrà un nuovo Pronto Soccorso per adulti, nuovo solo nella struttura, poiché le persone che vi presteranno la loro attività saranno quelle che al momento operano al P.S. del Vittorio Emanuele, si trasferiranno al policlinico dove continueranno la loro opera al servizio della cittadinanza in nuovi locali più grandi, più moderni, con più tecnologia e servizi. Rimarrà sempre al Vittorio Emanuele il Pronto Soccorso Pediatrico che continuerà ad operare in Via Plebiscito, come le altre Unità Operative presenti al momento al Presidio e che presumibilmente saranno destinate in un prossimo futuro a trovare collocazione nel nuovo Ospedale S. Marco di Librino. E’ già iniziato il conto alla rovescia per lo spostamento della struttura in via S. Sofia . Si sta procedendo speditamente a tutte le attività propedeutiche all’apertura. Nei giorni scorsi si è assistito alle prove tecniche di atterraggio dell’elicottero del 118 e anche il personale si sta ambientando nei nuovi locali, infatti, fuori dai normali turni lavorativi in piccoli gruppi si stanno addestrando attraverso simulazioni con manichini a testare i percorsi dei pazienti che giungeranno al pronto soccorso. Di seguito alcune informazioni di dettaglio:

STRUTTURA

  • L’ingresso sarà da via Santa Sofia 86C, pad.7, l’edificio ospita anche il Laboratorio Analisi e Centro Trasfusionale nonché un Parcheggio per accompagnatori e il PPI (Punto Primo Intervento) dell’ASP 3

INNOVAZIONE

  • E’ prevista l’Informatizzazione totale dei documenti e delle immagini grazie alle attrezzature informatiche presenti all’interno
  • Anche l’Elisuperficie sul tetto, collegata tramite ascensore al P.S. costituisce una novità
  • La struttura è Inserita nelle Reti della Salute

ACCOGLIENZA DEL PAZIENTE

  • All’ingresso i pazienti e i loro accompagnatori saranno presi in carico da personale appositamente dedicato all’accoglienza (steward) con il compito di orientare pazienti e familiari in sala d’attesa, assistendoli nell’uso corretto del Pronto Soccorso aiutandoli nel disbrigo delle eventuali pratiche amministrative etc.
  • Il Triage clinico avanzato prenderà in carico il paziente, con possibilità di far eseguire esami ed analisi utili prima ancora di essere visitati dal medico

PERCORSI PRIVILEGIATI

  • Percorsi ad hoc sono previsti per i “Pazienti fragili” come Anziani o Pazienti con Disturbi psichiatrici e per quelli rientranti nel “Codice Rosa Bianca” come: minori non accompagnati, genitori soli con figli minori con sé, donne in gravidanza, vittime di violenza fisica o psichica.
    A loro sono destinati trattamenti completi ed integrati, con speciale attenzione per comfort, tempi di attesa e informazione

SHOCK ROOM:

  • dedicata a pazienti con politrauma prevede una sala attrezzata per le cure al paziente critico, con apparecchiature di diagnosi e cura di ultima generazione (TAC, angiografo, monitor)

CORSIA RAPIDA (FAST TRACK)

  • Utilizzata per problemi non gravi di tipo oculistico, odontoiatrico, otorinolaringoiatrico, dermatologico. il paziente viene inviato direttamente all’ambulatorio specialistico per la risoluzione della sua problematica clinica.

Si tratta di accorgimenti e di novità che hanno come scopo ultimo una migliore cura del paziente secondo le reali necessità cliniche rilevate dai triage al momento dell’arrivo e una diminuzione dei tempi di attesa che come si sa nei Pronto Soccorso sono veramente alti.