Conferenza dei Comitati Consultivi- Bollettino di Luglio/Agosto 2013
In caso di mancata o errata visualizzazione vai alla versione Web | Archivio Bollettini vai
header CCC


Bollettino n. 9 del 30 Settembre 2013

Un' etica professionale dimenticata

Catania, lunedi' 30 settembre 2013

Al Commissario Straordinario dell’ASP di Catania
Dott. Gaetano Sirna
E, p.c. Presidente Comitato Consultivo dell'ASP di Catania
Avv. Luigi Anile
La sottoscritta C.V. chiede alla S.V.I. di porre attenzione alle seguenti  rimostranze per quanto accaduto alla Guardia Medica di Pedara in data 11/09/2013 nella prestazione della Dott.ssa di turno.
Mio marito,  Sig. G.R., trovandosi in villeggiatura a Trecastagni, a causa di un forte lombalgia, alle ore 10.00 del mattino si reca presso la guardia medica di Trecastagni per chiedere se era possibile praticargli una iniezione di antidolorifico. Ma la suddetta struttura risulta chiusa in quanto di turno solo nelle ore serali a partire dalle 20.00 fino alle 08.00 del mattino.
Il paziente decide di recarsi alla Guardia Medica di Pedara, li si imbatte in una sedicente Dott.ssa che, senza cartellino di riconoscimento e senza camice,  rifiuta l’identificazione. La stessa Dott.ssa in un primo momento, con linguaggio poco consono alla funzione, informa l’utente che non può somministrare l’antidolorifico, tranne che a turisti.
Al che il Sig. G.R. avvilito dalla situazione inizia ad avvertire dei capogiri alla testa e intorpidimento degli arti inferiori, segue la Dott.ssa nella sala medica e decide di sedersi, scatenando la reazione della stessa che, sempre con tono sgarbato, lo invita ad alzarsi immediatamente ed uscire dalla stanza e minaccia di chiamare i Carabinieri, nonostante il paziente ribadisca lo stato di forte malessere  .
A seguire, la dott.ssa decide di preparare una fiala da somministrare in intramuscolo e lo invita a scoprirsi le terga, all’invito il paziente chiede che tipo di terapia gli sta per somministrare dato che assume diversi farmaci quali Olmetec, Aspirinetta e Arcoxia, per evitare proprio effetti collaterali. La risposta del medico è stata: “ Si faccia i fatti suoi, qui il medico sono io!”. Il Sig. G.R., snervato  dalla circostanza si alza con fatica, si mette pericolosamente alla guida della sua auto e va via, alla ricerca di un ambulatorio medico privato.
Negli stessi attimi in cui il paziente esce dalla guardia medica la dott.ssa gli consegna dei numeri di telefono dicendo di rivolgersi a degli infermieri professionali che, a pagamento, gli avrebbero somministrato la terapia presso il domicilio, oppure di recarsi al Pronto Soccorso di Catania o Acireale.
La sottoscritta chiede che sia identificato il medico di cui riferisce, che siano valutati dell’ASP i comportamenti posti in essere dallo stesso medico e assunti  adeguati provvedimenti disciplinari che possano esimere la scrivente dalla costrizione di agire per vie legali quale parte offesa. Attende, pertanto, dalla dott.ssa in causa  che vengano fatte scuse pubbliche a risarcimento morale di mio marito.
Da cittadina mi chiedo, con inquietudine, dov’è l’etica professionale ed il senso d’umanità che deve improntare l’atto medico.
I cittadini sono stanchi di tali comportamenti posti in essere da  pseudo professionisti che occupano un ufficio solo per percepire  stipendio.  Si parla tanto di umanizzazione, signor Direttore, ma ne siamo ben lontani.
Ho visto veterinari approcciarsi alla cura in modo più umano e professionale.
In attesa di cortese riscontro Le porgo distinti saluti.



seguici su

L'invio di questa newsletter è un servizio gratuito fornito da Conferenza dei Comitati Consultivi e
Comitato Consultivo "AOU “Policlinico – Vittorio Emanuele” di Catania ". I contenuti riportati nella newsletter e nei siti http://conferenzacomitaticonsultivi.overblog.com/ e http://www.policlinicovittorioemanuele.it/comitaticonsultivi sono di proprietà degli stessi ma sono liberamente diffondibili ed utilizzabili con l'accortezza di citarne la fonte.

Trattamento dati personali: link

e cancellazione dalla newsletter: link

Informazioni legali: link