Conferenza dei Comitati Consultivi- Bollettino di Dicembre 2013
versione Web | Archivio Bollettini vai | Aggiungi Comitato Consultivo alla tua rubrica
header CCC


Bollettino n. 12 del 31 Dicembre 2013

Acireale

Presso la Casa Accoglienza San Camillo è stata organizzata, lo scorso 27 novembre, per i volontari dell’associazione Avulss di Acireale,  la periodica giornata dedicata alla formazione che, nella circostanza, si è articolata sugli interessanti spunti offerti dalla puntuale ed articolata relazione della prof.ssa Cettina Ardita sulle tematiche della bioetica.
    L’incontro è stato preceduto dalla graditissima visita del Vescovo della diocesi, mons. Antonino Raspanti, che non ha mancato di esprimere apprezzamenti e ringraziamenti per il meritorio impegno profuso dai volontari nel servizio svolto a favore della comunità e, in particolare, agli anziani dell’IPAB Oasi Cristo Re, ai ricoverati del Presidio Ospedaliero Santa Marta e Santa Venera ed agli ospiti della Comunità  Madonna della Tenda.

Catania

Da alcuni anni ormai, nel reparto di chirurgia pediatrica  del policlinico G. Rodolico di Catania,  vengono ricoverati sempre più spesso bambini con patologie  molto gravi, che per le cure  o i controlli a cui devono essere sottoposti  sono costretti  ad una degenza  ospedaliera  di  lungo periodo .
    Da un anno e mezzo i volontari Avulss  seguono costantemente  un piccolo paziente, M.,  un bimbo molto bello, occhi azzurri, capelli biondi, sguardo penetrante, che non parla ma nonostante le sue sofferenze è sempre sorridente. Accanto a lui, sempre vicina e attenta,  una mamma “speciale”ed un papà sempre presente  con i quali  si è instaurato un rapporto ormai confidenziale  e di stima.  
    La  complessa  patologia di cui soffre M. ha creato nella  famiglia  dei disagi, che hanno messo  in crisi non solo  i genitori ma anche il fratello  L., un ragazzino di 8 anni intelligente,  studioso  e allegro.  Alla  nascita del fratello,  L. si è sentito smarrito, abbandonato, ed ha cominciato a non  volere  più  andare a  scuola . Il comportamento del bambino  ha reso ancora più  acuta la sofferenza della  mamma  e quindi di tutta la famiglia. Ma grazie  al  rapporto creatosi  tra  famiglia  del piccolo,  soprattutto  la  madre,  e   tutti  gli operatori del reparto, il primario, il personale  sanitario e  le volontarie, si è stabilito di agire organizzando una  vera e propria “rete di interventi e di sostegno”.
    Le scuole  stavano per chiudere, perché era già giugno:  il primario ha convocato subito  le maestre del piccolo L. per convincerle a non bocciarlo ed ha promesso  loro che nei mesi estivi il bambino avrebbe recuperato sia  psicologicamente  sia  scolasticamente  e che a tale scopo  si sarebbe  organizzato  in ospedale  un doposcuola  intensivo in individualizzato,  con l'intervento  costante e  professionale  di alcune  volontarie  Avulss. Allo scopo, si sono prontamente dichiarate  disponibili  due  volontarie  di professione  insegnanti,  capaci  quindi  di organizzare e svolgere  una attività si sostegno efficace per  un buon  recupero  delle  abilità scolastiche  di L..
    Cosi  le due insegnanti  Volontarie , nonostante  l'estate, il caldo e la  voglia di vacanze hanno fatto lezione  all'interno del reparto e, con il loro intervento  costante, hanno ridato fiducia ed entusiasmo a L., permettendogli di affrontare con più sicurezza il successivo anno scolastico  e  restituito un po' di serenità  ad una famiglia già così duramente provata.

Gela

“Cuore e corpo: la cura, nell’ascolto empatico della sofferenza”, è stato il tema del Convegno organizzato, nelle settimane scorse nei locali della chiesa San Biagio, dall’Avulss di Gela con il locale nucleo dell’associazione Meter.
    Per le volontarie che si prodigano per  un servizio di umanizzazione presso le corsie dell’ospedale, al pronto soccorso, nelle case famiglie destinate ai minori e ai disabili mentali, è stata un’occasione importante di riflessione, grazie agli spunti emersi durante l’incontro, incentrati sulla psicoanalisi che coinvolge i vari aspetti della malattia e del malato, con l’obiettivo di suggerire alcuni accorgimenti sulla tipologia di approccio che i volontari dovrebbero adottare nei confronti di chi è sofferente.

Taormina

Con i colloqui finali del 10 dicembre si è concluso il III Corso base, organizzato dall’Avulss di Taormina, che ha formato 24 nuovi volontari. I seminari, avviati con la prolusione del 7 ottobre, hanno fornito ai motivati partecipanti gli strumenti necessari per poter svolgere, al meglio, il qualificato servizio approntato dall'associazione sul territorio che, in primo luogo, investe ambiti strettamente sanitari ma coinvolge anche aspetti di sofferenza e di disagio particolarmente significativi e crescenti.
    Di recente, inoltre, i volontari sono stati impegnati nella raccolta di fondi, dietro l’offerta di stelle di Natale, per finanziare alcuni progetti che il gruppo ha intenzione di concretizzare.
    In questo contesto si colloca l’iniziativa di una giornata di festa per tutti gli ospiti di Villa Zuccaro a Taormina. Si vuole, in un periodo in cui si sente maggiormente lo spirito della famiglia e dell'Amore fraterno, essere particolarmente vicini a quanti sono soli, a quanti hanno tanto bisogno di una carezza, di un abbraccio,di un sorriso, di un momento di tenerezza.


seguici su

L'invio di questa newsletter è un servizio gratuito fornito da Conferenza dei Comitati Consultivi e
Comitato Consultivo "AOU “Policlinico – Vittorio Emanuele” di Catania ". I contenuti riportati nella newsletter e nei siti http://conferenzacomitaticonsultivi.overblog.com/ e http://www.policlinicovittorioemanuele.it/comitaticonsultivi sono di proprietà degli stessi ma sono liberamente diffondibili ed utilizzabili con l'accortezza di citarne la fonte.

Trattamento dati personali: link

e cancellazione dalla newsletter: link

Informazioni legali: link