Conferenza dei Comitati Consultivi- Bollettino di Gennaio 2014
versione Web | Archivio Bollettini vai | Aggiungi Comitato Consultivo alla tua rubrica
header CCC


Bollettino n. 1 del 31 Gennaio 2014
A Chi interessa l’Umanizzazione della Sanità?

La domanda ne provoca tante altre, cercando risposte.
Interessa agli Operatori sanitari? Ai loro dirigenti? Interessa al management delle aziende sanitarie? Interessa, nei convegni sul tema, agli esperti che ne fanno loro attività disciplinare?
Interessa sul campo ogni volta che si presta una cura? Interessa al Decisore politico che ne tiene conto quando sceglie il management? Interessa a chi valuta le prestazioni organizzative e individuali?  A chi si occupa di qualità nel SSR? Ai Comitati Etici?  Interessa a Chi insegna la medicina e le professioni sanitarie? Interessa a Chi decide le politiche sanitarie e programmi e progetti? Interessa a Chi si accredita a rappresentare il cittadino, utente o paziente?  
Sicuramente interessa a Chi ha bisogno di cura. Sicuramente all’istituzione SSN per la sua sostenibilità. Altrettanto all’Assessore se scrive di proprio pugno l’indirizzo politico su obiettivi strategici di umanizzazione dei servizi sanitari e destina notevoli risorse di Piano Sanitario Nazionale.  All’Area Interdipartimentale 2 dell’Assessorato interessata all’ottimizzazione di queste risorse ripartite nei Progetti mirati di umanizzazione ed empowerment, sui cui risultati sarà informata l’opinione pubblica.
Occorre educare all’Umanizzazione (vedi proposta) fondamentalmente con saperi integrativi nella didattica delle discipline scientifiche delle professioni sanitarie. Educazione estesa anche agli organi di informazione ed ai cittadini. 
Per ciascuno sunnominato, la misura dell’interesse si può leggere dal risultato del compito che lo riguarda.
L’umanizzazione non si misura con numeri, come bilanci e drg. Si può valutare, ad esempio,  con gli  indicatori  dell’indagine nazionale dell’Agenas, che sta per partire anche in Sicilia e che si riverbera sugli obiettivi gestionali triennali delle direzioni generali aziendali.
Ma si misura soprattutto nel giudizio individuale sulla risposta, trasversale al SSR, alla propria domanda di salute.
Si ricorda infine alla Politica, in primis al Presidente della Regione che sembra a giorni alterni non avvertirne l’urgenza, che  le aziende sanitarie rimangono in gestione commissariata con evidente scollamento gestionale ed erosione di risultato, non consolidabile in questo clima di Tutti a casa.

Pieremilio Vasta


seguici su

L'invio di questa newsletter è un servizio gratuito fornito da Conferenza dei Comitati Consultivi e
Comitato Consultivo "AOU “Policlinico – Vittorio Emanuele” di Catania ". I contenuti riportati nella newsletter e nei siti http://conferenzacomitaticonsultivi.overblog.com/ e http://www.policlinicovittorioemanuele.it/comitaticonsultivi sono di proprietà degli stessi ma sono liberamente diffondibili ed utilizzabili con l'accortezza di citarne la fonte.

Trattamento dati personali: link

e cancellazione dalla newsletter: link

Informazioni legali: link