facebook twitter
ccc yt
costruire salute
header CCC

AIC

Sicilia

La Presidenza Regionale dell’ Anffas è impegnata a far conoscere una guida preventiva sulla violenza di genere per le donne con disabilità, elaborata dalla Human Rights Watch in occasione della Giornata internazionale della donna, celebrata in tutto il mondo lo scorso 8 marzo.
La pubblicazione ha lo scopo di spingere i Governi a garantire che le donne e le ragazze con disabilità siano incluse nei programmi dedicati alla prevenzione della violenza di genere. Risulta, infatti, ormai accertato che le donne e le ragazze con disabilità sono maggiormente a rischio violenza di genere nelle loro case, nelle scuole e rimangono spesso escluse dai programmi di prevenzione e dai servizi di supporto ed accesso alla giustizia a causa degli stereotipi sulla loro sessualità, delle barriere fisiche, di quelle della comunicazione e dalla mancanza di materiali informativi accessibili. La guida prova a colmare vuoto, mostrando come riconoscere, prevenire e ottenere protezione ed illustrando, anche, come ricevere assistenza legale, medica e psicologica.

Caltagirone

Sabato 28 febbraio, nel salone di rappresentanza “Mario Scelba” di Palazzo dell’Aquila, sede del Municipio di Caltagirone, si è tenuto il convegno di presentazione alla città dell’Anffas. Un significativo numero di volontari, già attivo da tempo, ha, infatti, deciso di costituire un’entità organizzata per meglio perseguire le finalità statutarie e dare risposte ancora più efficaci ai soggetti con difficoltà residenti nella città ed in tutto il comprensorio calatino.
Alla cerimonia hanno partecipato, tra gli altri, Roberto Speziale (presidente nazionale Anffas), Giuseppe Giardina (presidente regionale Anffas) e diversi autorevoli rappresentanti delle istituzioni locali.

Favara

Il 28 marzo scorso, per l’ottavo anno consecutivo e proprio nel giorno in cui l’Anffas compiva il 57mo anno dalla sua fondazione, è stata celebrata la Giornata Nazionale della Disabilità Intellettiva e/o Relazionale, che ha previsto, dopo il grande successo riscosso nel 2014, la conferma di un “Open Day” dedicato all’informazione e alla sensibilizzazione sui temi della disabilità intellettiva e/o relazionale.
La sezione di Favara, per l’occasione, ha organizzato le seguente iniziative:
•    27 marzo: i ragazzi dell’ Anffas con gli alunni delle scuole protagonisti di momenti di condivisione all’insegna dell’inclusione sociale;
•    28 marzo: porte aperte della sede di via Berlinguer n.23 per condividere la mission associativa e premiazione del “S.A.I.?”;
•    29 marzo: in piazza Don Giustino per promuovere i lavori realizzati nei laboratori dell’associazione.

Modica

Il 28 marzo scorso anche la sezione modicana dell’ Anffas ha promosso un Open Day dedicato all’informazione e alla sensibilizzazione sui temi della disabilità intellettiva e/o relazionale, per accogliere quanti hanno voluto conoscere l’Associazione, le famiglie e gli amici che la compongono, e le tante attività ed iniziative che ogni giorno li vedono impegnati nella lotta contro stereotipi e pregiudizi e nella promozione delle pari opportunità in ogni ambito della società.
L’appuntamento è stato anche l’occasione per premiare le classi vincitrici del concorso “A scuola tra integrazione ed inclusione sociale”, progetto rivolto alle scuole primarie e secondarie di primo grado degli Istituti comprensivi “Raffaele Poidomani”, “Carlo Amore”, “Santa Marta”,  ”Giovanni XIII”, “De Amicis”, “Piano Gesù”, “Denaro Papa”, “Risorgimento”, “Sant’Elena”, Giovanni “Falcone”. Il progetto nasce dalla volontà di aumentare le conoscenze, anche nei più piccoli, sulla disabilità intellettiva e/o relazionale, e dalla consapevolezza che, per affermare il diritto di cittadinanza delle persone con disabilità, occorre un ambiente inclusivo dove ciascuno possa sentirsi considerato ed accolto, a prescindere dalle “normali” o “speciali” abilità di cui è dotato.

Palazzolo Acreide

Nell’ambito delle iniziative per l’“Anffas Open Day” che, anche quest’anno, è stato organizzato in occasione della Giornata Nazionale della Disabilità Intellettiva e/o Relazionale, la sezione di Palazzolo Acreide e Zona Montana ha previsto uno speciale appuntamento di informazione e sensibilizzazione per gli studenti del territorio.
L’evento si è svolto lo scorso 27 marzo, nell’Aula Magna dell’Istituto Superiore di via Antonino Uccello, allorquando ha avuto luogo la manifestazione connessa alla seconda edizione del concorso di poesia, arti figurative e fotografia, indirizzato agli alunni delle scuole superiori e medie, sul tema "Porte aperte all'inclusione sociale”.
Da ricordare, inoltre, che mercoledì 1° aprile verrà riproposta, sul sagrato della Basilica di San Paolo, l’ormai tradizionale “Passio”, la sacra rappresentazione della passione e morte di Cristo che vede protagonisti i ragazzi dell' Anffas insieme a numerosi volontari.

Patti

Si è svolto lo scorso 27 febbraio, a Patti, il Seminario di approfondimento sulla Legge n. 68/99 "Collocamento Mirato", organizzato alla luce delle importanti esperienze realizzate nel territorio attraverso il progetto “A Piccoli Passi” che ha coinvolto circa cinquanta aziende e cinquanta persone con disabilità in percorsi di formazione professionale e apprendistato in diversi settori.
Il progetto è stato diretto dall' Anffas Onlus di Patti, con il partenariato, nella provincia di Messina, dell'ISIS Borghese-Faranda, della Cooperativa Brolo Integrazione e del Comune di Patti.
La manifestazione ha avuto una folta partecipazione. Sono intervenuti, infatti, persone con disabilità e le loro famiglie, imprese che hanno accolto i giovani nelle work-experience, i docenti dell'ISIS che hanno curato la formazione, operatori e tutor che li hanno accompagnati in percorsi personalizzati sostenibili, in linea con le inclinazioni e competenze specifiche.
Il presidente dell' Anffas Patti ha voluto sottolineare, nel suo intervento, come “la centralità della persona, il lavoro in rete, la coerenza dei comportamenti di ciascuno ha alimentato in tutti la speranza che quando il denaro è utilizzato al servizio delle persone e delle loro aspirazioni non riduce poveri, deboli, persone con disabilità a “merce” di una economia senza volto che si nutre di corruzione e sfruttamento dei deboli e anestetizza l'esser umano e lo rende infelice. Il nostro obiettivo è quello di far comprendere come il lavoro onesto possa divenire componente essenziale della vita di ogni persona, genitori, ragazzi con disabilità, imprese, amministratori locali, società civile ed ecclesiale. Ciò che ciascuno di noi può fare è essenziale per imparare l'arte di vivere con gioia e serenità”.
All'incontro hanno portato il loro saluto Mons. Ignazio Zambito, Vescovo di Patti, l'avv. Mauro Aquino, Sindaco di Patti, i sindaci di Gioiosa Marea e Sant'Angelo di Brolo, e un rappresentante dell'amministrazione di Brolo. L'avv. Gianfranco De Robertis, che ha curato i contenuti del seminario, ha evidenziato come la legge 68/99 fornisca indicazioni per la realizzazione di un inserimento lavorativo personalizzato, spiegando ai presenti, con chiarezza e competenza, le modalità applicative, dalla fase di iscrizione a quella di avvio.
All'approfondimento del tema hanno contribuito il dott. Roberto Speziale, presidente Nazionale Anffas, il dott. Nunzio Miragliotta, il dott. Sidoti e il dott. Pettinato. Fondamentale l'apporto di alcuni dei ragazzi che sono intervenuti, condividendo le loro esperienze. La dott.ssa Anna Zampino, progettista e coordinatrice di “A Piccoli Passi” (finanziato nell'ambito dell'avviso 1/2011 attraverso il Fondo Sociale Europeo-Regione Siciliana-Asse III-Inclusione Sociale) ha presentato il seminario, evidenziandone le motivazioni profonde, ossia la necessità che quanto realizzato attraverso i percorsi formativi e di inclusione avviati non si concluda con la fine del progetto.
 “A piccoli passi” si è chiuso il 20 marzo con un convegno finale, organizzato nella Sala “Mons. Angelo Ficarra” di Tindari.

Ragusa

Sabato 14 Marzo 2015, presso la Piscina Comunale di Ragusa, si è tenuto il Campionato Regionale di Nuoto Fisdir, organizzato dalla Polisportiva dilettantistica Anffas Ragusa a.s.d.
Alla manifestazione hanno partecipato atleti delle principali società sportive siciliane che operano nel settore sport per persone con disabilità intellettiva. L’iniziativa, oltre a rappresentare un importante momento sportivo, è stata, senza dubbio, una notevole opportunità volta a favorire un progressivo sviluppo culturale e sociale della comunità.
Da segnalare, inoltre, che l’Anffas di Ragusa assieme a “Piccolo Principe”, “Raggio di Sole”, “Guardami negli occhi” e “le Stele di Rosetta” ha sottoscritto con l’Asp iblea un protocollo d’intesa relativo al Centro per la diagnosi ed il trattamento intensivo precoce dei minori 0-6 (inaugurato nelle settimane scorse) ed al Centro diurno per adolescenti (che partirà in autunno), in base al quale le due importanti ed innovative strutture funzioneranno con le risorse professionali in dotazione alla U.O.C. di Neuropsichiatria infantile dell’Asp e con operatori messi a disposizione dalle cinque Associazioni.
In occasione, poi, della giornata nazionale “Anffas Open Day”, ha organizzato, sabato 28 marzo, la manifestazione "La libertà consiste nell'indipendenza del pensiero dalle limitazioni dei pregiudizi sociali": seminario, performance, recital, laboratori interattivi, murales e...molto altro ancora!

San Cataldo

In programma, per l’edizione nissena dell’Open Day Anffas di domenica 29 marzo, una simpatica sfilata a cavallo di ragazzi con disabilità lungo le strade di San Cataldo, da piazza San Francesco a Piazza Papa Giovanni XXIII.
Qui era stato previsto un gazebo per la raccolta di firme sui diritti delle persone con disabilità e promozione delle attività svolte dall’associazione locale durante tutto l’anno..
In prossimità di tale gazebo sono stati, inoltre, organizzati importanti momenti di coinvolgimento e di condivisione attraverso giochi e attività ludiche e ricreative ad opera dei ragazzi ANFFAS, delle loro famiglie e degli operatori.

Scordia

Grande festa sugli spalti dello stadio “Aldo Binanti”, lo scorso 1 marzo, in occasione del match che la S.S.D. Città di Scordia ha vinto 4-0 sulla formazione del Viagrande.
 A fare un grande tifo e gioire del magnifico risultato c’erano pure i ragazzi della locale associazione Anffas che erano stati invitati dalla società nell’ambito del progetto “Questo è il calcio che vogliamo”.
Tale partecipazione, abbinata all’iniziativa “Porto i miei genitori allo stadio” (rivolta agli alunni dell’Istituto Comprensivo Giovanni Verga), aveva il meritorio obiettivo di favorire una sana integrazione sociale e far crescere nei giovani la cultura dello sport inteso come disciplina e rispetto delle regole.
Sabato 21 marzo, nel corso di una simpatica ed amichevole cerimonia, è avvenuta l’inaugurazione della nuova sede dell’Anffas Scordia che, ora, si trova nei locali di via Bologna n. 4.

Siracusa

I locali del Centro Socio – Educativo “G. Gozzo” di via Brenta, lo scorso 28 marzo sono rimasti aperti per l’edizione 2015 dell’Open Day ANFFAS alla città ed all’inclusione sociale.
Tali locali hanno, tra l’altro, visto operatori e ragazzi del Centro, mentre svolgevano le normali, quotidiane attività socio-educative, accogliere alcune rappresentanze scolastiche, di istituti superiori e comprensivi del territorio, che sono venuti a far loro visita.
Nell’occasione sono stati proiettati alcuni filmati, relativi ai più importanti momenti dei ragazzi in ANFFAS e mostrati i manufatti realizzati nei laboratori attivi al suo interno.

L'invio di questa newsletter è un servizio gratuito fornito da Conferenza dei Comitati Consultivi e
Comitato Consultivo "AOU “Policlinico – Vittorio Emanuele” di Catania ". I contenuti riportati nella newsletter e nei siti http://conferenzacomitaticonsultivi.overblog.com/ e http://www.policlinicovittorioemanuele.it/comitaticonsultivi sono di proprietà degli stessi ma sono liberamente diffondibili ed utilizzabili con l'accortezza di citarne la fonte.

Trattamento dati personali: link

e cancellazione dalla newsletter: link

Informazioni legali: link