facebook twitter
ccc yt
costruire salute
header CCC

U.P.S di Ragusa

“La fragilità umana, luogo di speranza” è stato il tema delle Stazioni Quaresimali nelle Case di Riposo e nelle Strutture Sanitarie e Residenziali che, in questo mese di marzo, promossi dall’Ufficio della Pastorale della Salute della Diocesi di Ragusa, hanno interessato presidi sanitari di Ragusa, Vittoria, Chiaramonte Gulfi e Comiso.
Il distacco dalla famiglia di sangue sarà meno traumatico se la comunità manterrà legami con i propri anziani. La comunità parrocchiale, “famiglia di famiglie”, deve farsi “diaconia” nei confronti delle persone anziane e dei loro problemi anche ricercando una collaborazione con i responsabili delle suddette strutture al fine di trovare modi adeguati per assicurare presenza del volontariato, animazione culturale e servizio religioso.
Camminare con gli anziani e verso gli anziani è dovere di tutti. E ormai tempo di cominciare a operare per un effettivo cambiamento di mentalità nei loro confronti e per restituire loro il posto che a loro spetta nella comunità umana. La comunità ecclesiale deve adoperarsi per aiutare l'anziano a vivere la propria età alla luce della fede e a riscoprire egli stesso il valore delle risorse che è ancora in grado di porre al servizio degli altri e che ha la responsabilità di offrire agli altri. L'anziano deve divenire sempre più consapevole di avere ancora un futuro da costruire, perché non è esaurito il suo impegno missionario di testimoniare ai piccoli, ai giovani, agli adulti, ai suoi stessi coetanei che al di fuori di Cristo non c'è senso né gioia e ciò sia nella vita personale che nella vita con gli altri.
Rappresentanti delle associazioni di volontariato, assieme a medici, operatori sanitari e laici impegnati nella Pastorale della salute, si sono ritrovati, il 19 marzo, nella chiesa di San Giuseppe artigiano, a Ragusa, per prendere parte al tradizionale appuntamento con il precetto pasquale promosso dall’Ufficio diocesano. A presiedere la celebrazione il vescovo della diocesi, mons. Paolo Urso, con il direttore dell’Ufficio diocesano, don Giorgio Occhipinti, e con don Salvatore Giaquinta, cappellano ospedaliero al Maria Paternò Arezzo.

L'invio di questa newsletter è un servizio gratuito fornito da Conferenza dei Comitati Consultivi e
Comitato Consultivo "AOU “Policlinico – Vittorio Emanuele” di Catania ". I contenuti riportati nella newsletter e nei siti http://conferenzacomitaticonsultivi.overblog.com/ e http://www.policlinicovittorioemanuele.it/comitaticonsultivi sono di proprietà degli stessi ma sono liberamente diffondibili ed utilizzabili con l'accortezza di citarne la fonte.

Trattamento dati personali: link

e cancellazione dalla newsletter: link

Informazioni legali: link