facebook twitter
ccc yt
costruire salute
header CCC

SI SUSSEGUONO INTIMIDAZIONI E AGGRESSIONI A MEDICI E SANITARI
     Dalla soggezione alla prepotenza
Agli antipodi dell’empowerment degli Utenti
Si ripetono purtroppo esecrabili episodi di minacce ed aggressioni a Personale sanitario nell’esercizio professionale. Troppi i casi denunciati per poter parlare di episodi isolati. Bisogna riconoscere che siamo davanti a comportamenti sociali diffusi di degenerazione contrapposta della pregressa soggezione limitante del paziente verso il Camice bianco.     Non era cosa buona nella Sanità di ieri. In modo maggiore non lo è la prepotenza perfino violenta quando investe il Sanitario percepito non taumaturgico all’istante. È crisi della relazione umana nel tempo che declama l’Umanizzazione della Sanità. Eppure dell’aziendalizzazione del Servizio Sanitario, oltre la sovrabbondanza dei principi di economicità, l’aspetto più pregevole è stato e rimane l’Empowerment del Paziente. La consapevolezza dell’Utenza sui propri diritti di tutela della salute e la coscienza del Personale sanitario di prendersi cura dell’intera Persona per guarire meglio la malattia. Empowerment in Sanità significa riconoscimento di reciproca dignità tra Medico e Paziente, fondamentale fiducia e benefica alleanza terapeutica. In questo senso è utile riproporre un recente decalogo proposto da Cittadinanzattiva per riflettere e aiutare a riflettere. Vademecum, Decalogo
Davanti a questa deriva preoccupante bisogna prendere chiara posizione dicendo pane al pane e vino al vino. Perché questi fatti ripetuti riguardano non soltanto i Professionisti offesi, cui va piena vicinanza, simpatia e stima, e rispettive gerarchie aziendali bensì investono tutti i componenti degli organismi di rappresentanza civica interrogandoci sulla qualità della rispettiva partecipazione.   
Bisogna dire chiaro e forte che, qualora fosse, nessuna percepita disattenzione o scortesia di Sanitario di turno può mai giustificare prepotenza o qualsiasi forma di violenza ancorché fuori dal codice penale, su cui c’è poco da transigere. Ci sono le tutele legittime da far valere col sistema delle segnalazioni, che spetta alla Direzioni rendere sempre più effettive e producenti, nell’interesse della maggioranza stessa dei Professionisti di talento.
    
I Comitati Consultivi, che rappresentano gli Utenti e gli Operatori nelle Aziende Sanitarie, sono il luogo dove integrare le rispettive funzioni nell’interesse superiore di miglioramento continuo, e necessario, del SSR.
Perciò il richiamo incessante a favorire la partecipazione civica da parte del management, ad assicurare la collaborazione operosa e competente da parte dei componenti dei CCA, a considerare con attenzione istituzionale il loro contributo da parte del governo regionale, al cui Assessore della Salute si ricorda l’attesa del confronto.

In questo mese trascorso l’avvicendamento nella direzione del Servizio 5  "Promozione della salute, Prevenzione malattie professionali e degli infortuni sul lavoro" del DASOE dell’Assessorato Regionale della Salute merita citazione per l’impulso positivo allo sviluppo della Rete Civica della Salute. Infatti nella recente riunione del "Tavolo Tecnico per l'Educazione Sanitaria e leggi correlate" la nuova Dirigente, Daniela Segreto, ha rivolto molta attenzione alla comunicazione del SSR diffusa dalla RCS ed alle potenzialità di supporto all’attuazione del Piano Regionale Prevenzione che la stessa può assicurare.

Come in passato il Bollettino riprenderà l’uscita dopo la pausa d’agosto. A tutti i Lettori gli auguri di vacanze serene.


L'invio di questa newsletter è un servizio gratuito fornito da Conferenza dei Comitati Consultivi e
Comitato Consultivo "AOU “Policlinico – Vittorio Emanuele” di Catania ". I contenuti riportati nella newsletter e nei siti http://conferenzacomitaticonsultivi.overblog.com/ e http://www.policlinicovittorioemanuele.it/comitaticonsultivi sono di proprietà degli stessi ma sono liberamente diffondibili ed utilizzabili con l'accortezza di citarne la fonte.

Trattamento dati personali: link

e cancellazione dalla newsletter: link

Informazioni legali: link