Trattamento dell'ipersudorazione mediante tossina botulinica

Versione stampabileVersione stampabile

La sudorazione è un fenomeno fisiologico del nostro corpo atto a mantenere la temperatura corporea ad una temperatura stabile. Nel corpo umano questo meccanismo è regolato dal sistema nervoso  autonomo e si parla di iperidrosi quando la regolamentazione di questo meccanismo è disturbata e si ha una sudorazione eccessiva in alcune parti del corpo.

L'iperidrosi è comunemente palmare (quando interessa le mani), ma anche altre regioni del corpo possono essere interessate come le ascelle, i piedi ed il tronco. Il grado di sudorazione può variare fino ad arrivare alla gocciolazione.

L'iperidrosi può essere primaria o secondaria a seconda delle cause. La forma primaria che è la più comune è un fenomeno idiopatico (che non ha una causa certamente nota) e può essere scatenata da elementi emozionali ed emotivi. La forma secondaria è invece espressione di disfunzioni di altri organi come per esempio la tiroide.

L'iperidrosi crea grande imbarazzo sociale e può essere causa di importanti limitazioni nell'ambito relazionale e lavorativo con enormi ripercussioni sul lato psicologico. Stringere la mano, maneggiare carta o documenti e tutta una serie di attività quotidiane possono essere rese difficoltose dall'iperidrosi. In casi di iperidrosi severa le mani grondano sudore a gocce anche in condizioni di basse temperature, mentre in caso di iperidrosi ascellare i pazienti sono obbligati a cambi frequenti di abito. Anche l'arrossire in modo vistoso per ogni piccola emozione, talvolta in associazione ad una profusa sudorazione del viso, può causare considerevoli difficoltà sociali e imbarazzo, soprattutto in persone con incarichi dirigenziali e di prestigio. Il disturbo, che generalmente inizia nell'adolescenza, è di grande impatto sociale e psicologico e spesso diventa una mina contro la stabilità emotiva di chi ne soffre e si protrae per tutta la vita. Alcuni soggetti arrivano ad evitare qualunque contatto sociale.

 

NUOVE TERAPIE EFFICACI

La tossina botulinica è in grado di inibire le ghiandole sudoripare in modo da ridurre l'eccessiva sudorazione. La soluzione diluita di tossina botulinica viene iniettata localmente da medici esperti nell'uso di tale farmaco e l'effetto delle infiltrazioni si manifesta dopo due o tre giorni. Il controllo della sudorazione indotto dalla tossina botulinica perdura per alcuni mesi per poi scomparire gradualmente.

In media, comunque, le ghiandole sudoripare restano inibite fino a circa 8 mesi successivamente il trattamento è ripetibile. Le infiltrazioni di tossina botulinica generalmente vengono praticato sulle zone affette, come ascelle, mani e piedi. La zona da trattare viene identificata con speciali marcatori che evidenziano i punti maggiormente interessati dalla traspirazione.

Per quanto riguarda le mani, oltre che l'area palmare, spesso viene trattata anche la zona digitale, tra le dita e, se necessario, anche sul dorso. In pratica si interviene proprio nei punti più critici per chi deve scrivere o appoggiare le mani nelle attività quotidiane.

Il trattamento dell'iperidrosi mediante tossina botulinica
Video tratto da Tg2 Salute

 

 

Modalità di accesso: si informano i sig.ri colleghi che l'ambulatorio per il trattamento della spasticità e dei disturbi del movimento correlati (in esito ad ictus cerebrale, trauma cranico, paralisi cerebrale infantile e sclerosi multipla) tramite tossina botulinica, gestito dal dott. Michele VECCHIO, è disponibile anche per il trattamento dell'iperidrosi.

Per appuntamenti 095/7435426